Non voglio stabilità a cui affidarmi
Desidero il ballo incostante delle onde e un blu eterno di cui ubriacarmi
Detesto le parole vuote e i cartelli stradali
Amo il silenzio assordante dell'acqua e le forme astrali
Non datemi il fango ed il cemento
Datemi piuttosto una burrasca
Ed il suo massacro lento
Fanno più luce i lumini di Santa Chiara
Che i lampioni di corso Sempione
I primi illuminano l'anima
I secondi le puttane e qualche furgone.

Naufragherò per tornare a casa
Affogherò per respirare di nuovo
Il sangue diventerà salato
Il cuore tornerà d'oro.

Anna Gatti

Acqua

by annacatz

0

Thanks for the...

  1. 0Smile
  2. 0Inspiration
  3. 0Laugh
  4. 0Story
  5. 0Mindtrip
  6. 0Help
  7. 0Feelings

Thank the author

0

Comments


No one has commented on this note yet

Previous
Next