I

Il paradosso di cupido

Ci avete mai pensato? Cupido era il dio dell'Amore, con le sue frecce centrava i cuori delle persone e le faceva innamorare. Ma essendo lui il dio che faceva innamorare, chi avrebbe mai potuto scoccare su di lui una freccia? Questo è il paradosso di cupido, il Dio dell'amore eternamente solo. Più che un dono, la sua era una vera e propria punizione, costretto a far innamorare quelle persone e osservarle andare via insieme, mentre lui era li, solo. Nessuno avrebbe mai potuto scagliare una freccia addosso a lui.

Oppure, un modo ci sarebbe stato, trafiggere il suo stesso cuore e così potersi innamorare, ma che amore sarebbe stato? Un amore amaro e fittizio, senza un vero e proprio motivo, eppure sarebbe stato un amore sincero ai suoi occhi, perché oramai assuefatto dal suo stesso veleno si sarebbe illuso di poter finalmente amare, ma se è vero che alla fine la ragione prevale sull'amore, ad un certo punto si sarebbe accorto di tutto e sarebbe tornato solo. Questo è il paradosso di cupido, colui che faceva innamorare gli altri ma costretto la rimanere eternamente solo.

-Johnny Bednock

Il paradosso di Cupido

by JohnNotes

0

Thanks for the...

  1. 0Smile
  2. 0Inspiration
  3. 0Laugh
  4. 0Story
  5. 0Mindtrip
  6. 0Help
  7. 0Feelings

Thank the author

0

Comments


No one has commented on this note yet

Previous
Next